“ARROW” recensione semi-seria della Serie TV

 
Locandina della serie tv “Arrow” (badtv.it)

 

Dopo un anno e mezzo dalla chiusura di Smallville, The CW decide che è giunto il momento di chiamare in scena  Greg Berlanti, Marc Guggenheim e Andrew Kreisberg, sceneggiatori con un passato di tutto rispetto presso la Marvel e la DC (ma soprattutto Berlanti co-sceneggiatore di Green Lantern the Movie), per portare sul piccolo schermo le gesta del playboy miliardario Oliver Quinn aka Green Arrow aka per gli italiani Freccia Verde.
Da lì al grande passo per produrre il Pilot è velocissimo. Forti del successo di Smallville e  soprattutto una CW orfana di una serie supereroistica, ecco spuntare il nome di un semisconosciuto modello e un paio di comprimari scelti da serie appena cancellate e via negli studi televisivi a girare il primo episodio. Il Pilot viene mostrato in anteprima ai dirigenti e produttori del canale televisivo statunitense, poi a un pool di ragazzi fanatici del fumetto made in USA. Il verdetto è unanime: si va avanti!
E così ci troviamo una serie che, premiata dagli ascolti iniziali, raggiunge sempre di più un consolidato pubblico (cosa che non succedeva dalle prime stagioni di Smallville) e alla fine si decide di ordinare una stagione completa e un rinnovo per la seconda, chiamando in causa molti più Villain e attori (sempre provenienti da altre serie tv).
Certo, “la fedeltà o meno all’opera originale non è una discriminante valida per giudicare un prodotto” e noi da nerd incalliti ci troviamo ad ammettere che spesso questa frase rispecchia la verità totale. L’umorismo sottile e velato e spesso dissacrante di Quinn, in questa trasposizione non è manco sottolineato e soprattutto le sue inclinazioni politiche che fa di Green Arrow l’unico eroe DC ad essere apertamente comunista non ve n’è traccia. Eppure, come dice una famosa opera… Eppur, si muove!
L’attesa era tanta, e l’impressione avuta appena finito a vedere il Pilot è stata tutto sommato positiva. Procediamo però a un’attenta analisi del Pilot.
Attori: sembrano ricalcare lo standard televisivo. Prendi un belloccio, prendi una belloccia, infarcisci di triangolo amoroso, metti un’identità segreta a uno dei tre da usare sullo sfondo della vicenda, e il serial è pronto per entrare nelle case di tutti! Gli ascolti italiani l’hanno stra-premiato. Stephen Amell non sa recitare, sia ciaro, però riesce a catturare lo schermo con la fisicità di un attore che prima di essere tale, è un atleta. Sue le coreografie e nessuno stuntman. Questo è un grandissimo pregio. Il resto del cast fa da supporto come si vuol intendere e non lascia trasparire ancora nulla, oramai giunti quasi alla conclusione della prima stagione.
Personaggi provenienti dal fumetto: ci sono, eccome se ci sono. Parliamo di Huntress e di come riesca a funzionare nonostante gli sia stato dato ancora poco spazio? Infatti, anche quel ruolo è stato premiato con un recruit series che vedrete più avanti e sicuramente nella prossima stagione. Parliamo di Deathstroke? Fantastico, nonostante lo vediamo ancora nei flashback, con un costume simile al fumetto e una fisicità superiore perfino a Oliver. Se poi prendiamo Manu Bennett (l’enorme e bravissimo Crixus in Spartacus) a indossare i suoi panni, beh il successo è assicurato.  Si parla poi di Vertigo e altri minori, ma la scelta di cambiare dal fumetto alla tv è dettata da una richiesta di maggiore realtà. Ci sono poi cambiamenti essenziali nella vicenda, dall’addestramento, alla famiglia di Oliver, ma poco importa perché sappiamo che lo show si muove dapprima su un canale preferenziale di prima serata fatto di adolescenti e pre-adulti, e secondo dalla voglia di cambiare un po’ le carte in regola, e quindi ci ambientiamo. Badate bene, ambientare significa incazzarsi prima e reagire dopo averne metabolizzato i cambiamenti.
Regia e sceneggiature: basilare e essenziale da tv series. Storie discrete e che prendono senza lasciarti annoiare e tra l’altro (anche con mota enfasi lo scrivo), pochi i filler che portano lontano dall’interessarsi all’intera vicenda narrata.
Conclusioni: Che dire, il fumetto DC ha sempre portato grossi scompensi all’industria cinematografica (escludendo il Sups di Donner e il Batman di Nolan, ma qui ci sono pareri discordanti), e trovarci di fronte all’ennesima rivisitazione ci fa storcere il naso. Eppure, Arrow, non essendo il capolavoro dei capolavori si lascia vedere per la sua semplicità e perché diciamocela pure, Green Arrow spacca i culi e basta parlare solo di Batman come del cavaliere mascherato. Ricordate gente, Bruce non uccide, Oliver si.
Un più che discreto risultato che saprà farci godere se si innalzerà la qualità della show, ma che potrebbe farci imbestialire come Darkseid se nei prossimi episodi si parlerà solo di amore e cazzate varie.

 

Fede: la mamma per amica

Fede: la mamma per amica

La prima a rispondere è Federica, la trasposizione al reale del famoso telefilm “Una Mamma per Amica”, la consigliera spirituale del gruppo.
Vedo solo ora che sn stata citata…Mic, me e Gaspa in in dibattito dc vs Marvell vuol dire vedere l’omicidio d Gaspa in diretta! ;p
A parte, gli scherzi, io sn cresciuta cn i fumetti marvel e cn quelli italiani e i marvel li leggevo perché si adattano a tutti i Target e le storie più serie sn nate più tardi. I pg dc li Ho letti solo dopo aver conosciuto Rob, ma li conoscevo grazie al cinema e la lettura mi ha dato conferma di quanto si racconta anche nei film ma che molti nn vogliono vedere: personaggi come Superman o Batman o G.Arrow mostrano come la dc faccia del fumetto un arte impressionista o espressionista, avolte addirittura pop. Mostrano il mondo nella sua durezza, e chi lo cambia (pensate anche al primo Batman) lo fa con colori sgargianti che danno l’impressione, la speranza di in cambiamento in meglio. Per non parlare del messaggio ai potenti della terra: solo voi potete decidere di risollevare le sorti del mondo che avete portato alla rovina (Bat o G.A); solo voi o esseri superiori venuti da altre realtà che si sono innamorati del nostro pianeta, della sua bellezza e della sua ricchezza, tanto da essere disposti a sacrificare tutto pur di salvarlo. È in messaggio a quegli stessi potenti che usano, con la marvel, il fumetto nella sua funzione originale: la propaganda politica e sociale.
E con questo torniamo al perché personaggi dc piacciano meno che i marvel – in Italia, si intende: personaggi diffusi maggiormente con Super Mass Media, pg che nn fanno altro che raccontar cazzate e sparare a dx e a mqnca piacciono d più che quelli che t fanno pensare ai problemi reali. Nella scelta tra Bat e Sup, poi, anche qui x me vince chi è più simile a noi. È la base di tutti gli studi socio-antropologici: in chi ti puoi immedesimare? In un aLieno atterrato in mezzo al nulla con super poteri generati dalle differenze molecolari tra i due pianeti, o nel bambino che ha subito in torto irreparabile e che da grande porta allo stremo le sue possibilita (fisiche ed economiche) per vendicarsi del torto subito?

Intervento che fa alzare il cappello anche al più esperto marito Robb: “Totale. Mi dimetto dal mio ruolo.”

L’Inizio della Fine – parte due

L’ Inizio della Fine – parte due

Il secondo tempo della diatriba supereroistica si apre con la sentenza di Robb: “iron man copia batman. è un coglione che vive dentro una scatoletta di tonno insuperabile”.
Roberta: “non è umano”
Robb: “no infatti è scemo”
Roberta: “ahahhahahah XD però è simpatico intelligente sarcastico”
Robb: “ma si come tutti i paraculi marvel, tutti buoni a scimmiottare”
“ma quando iron man era un palombaro tutti dicevano che faceva cagare”
al che dovetti ammettere: “l’ unica cosa accattivante del personaggio di Stark è che ha una personalità brillante”.
Roberta: “ahahahah io non sono in grado di fare paragoni e sapere chi scimmiotta da chi, la mia cultura in questo campo è veramente limitata, principalmente ai film e in qualche caso ai cartoni animati.”
“unica cosa? Boh a me gusta assai come tipo d’uomo, irriverente estremamente intelligente e simpatico”.
Robb: “No dai Iron Man vale, però il disegno da film serve per accattivare (giustamente). Stark è problematico più di Wayne per esempio. Ha problemi di alcolismo, con le donne e la salute. Se nei film interiorizzassero di più il personaggio ne verrebbe fuori una bomba ad orologeria”.
Roberta: “beh probabilmente ci sono delle cose che è anche difficile rendere in un unico film.. come il libro è praticamente sempre meglio del film ad esso ispirato, così il fumetto credo”.
Io: “e se l’ avessero fatto con Wayne, Batman non sarebbe l’ eore più preso per il culo della storia..”
Robb concorda: “eh già”
Roberta nella sua innocenza: “ma chi è che prende per il culo il MIO batman?”
Robb: “beh Wayne ha problemi differenti, legati alla natura dell’uomo, alla psicologia, all’uomo legato al sistema e slegato da esso. La natura del conflitto.”
Io: “eh scrivi batman su google so più le prese per il culo che le cose serie quelle che ti escondo!”
“Wayne è un sociopatico e quando si traveste diventa una mina vagante per questo”.
Roberta: “beh te credo che è sociopatico… pure io lo sono un po con sta società di m…a”
Io: “si ma finchè non ti vedrò penzolare dalla cima dell’ arco de traiano sarò tranquillo”
Robb: “io sarei propenso molto spesso a planare tra le case in cerca di vendetta… lasciamo perdere la realtà.. ci vorrebbero davvero dei costumi e dei superpoteri”.
e qui rimembriamo un nostro vecchio progetto: “te la ricordi la cosa dei giubbetti de pelle si.. “
Roberta: “ahahahahahaha prima mi devo comprare il costume da assassin’s creed poi potrei anche farlo visto che va di moda XD”
stoccata di Robb: “certo, te devi venì in palestra con me e poi i giubbetti ce li mettiamo.. tempo un anno fidati eheheh”
“certo che qui per fa del bene andremo pure in galera”
Io: “ci tocca Robb ogni supereroe che si rispetti è stato arrestato”
Robb: “vero mick.. tanto a noi ci fermano anche a piedi alle due di notte”
Io: “si siamo gli unici SE che non possono mescolarsi alla gente comune perchè siamo sospetti già di nostro”
i progetti di Roberta: “Tibet.. beh non mentre i cinesi massacrano qua e la.. lo intendo come riferimento di un posto per la meditazione in armonia con la natura.In alternativa vado in Australia a fare la transumanza del bestiame a cavallo ahahahha”.
e quelli di Robb: “ahahha oggi proprio pensavo all’australia, ma i paesi nordici restano la mia scelta primaria”.
con la speranza che “sempre se dopo questa discussione non ci assume la dc comic hehehe”.
Io: “e non sarebbe sbagliato!!”
Ora qui la discussione assume connotazioni molto più serie e spunti di discussioni tali che ho preferito dare ad ognuno degli interventi lo spazio che merita.

L’ Inizio della Fine – parte uno

Come sempre gli avvenimenti più tragici iniziano con le migliori intenzioni.
Ed è così che in una tarda nottata di un martedì come un altro, partì una inncente discussione sul film di prossima uscita “Man of Steel”; pellicola che io e il caro Robb non vediamo l’ ora di vedere per ammirare le gesta dell’ amato Superman.
Ma ecco come si sono svolti i fatti:
Robb posta la foto di una maglia fantastica del nuovo Superman, alla quale rispondo con la faccina stupita per la effettiva bellezza dell’ articolo.
poi dall’ innocente voce di Roberta nacque un: “Come mai ti piace superman?”
ed altrettanto innocentemente Io risposi: “non è il mio preferito, ma per ciò che lo lega a Bats non posso non parteggiare anche per lui, e poi il trailer è veramente figo e mi ha incuriosito a palla!”
al che giustamente rispose Robb: “Perchè ci sono cresciuto e quando ero piccolo c’era solo quello o l’uomo ragno e siccome il ragnetto copiatore della dc comics è una faga moscia (scusa il termine volgare)… poi è facile adesso dire che batman p figo… fino a qualche anno fa manco sapevano chi fosse. Adesso basta mettere la parola dark davanti a qualcosa e tutti urlano al miracolo. Sta di fatto che superman è stato il primo, mettiamola come vogliamo. I iflm non gli rendono giustizia, i fumetti si. Bat e sups contro il mondo. Basta, ritorno in serious mode.
Che poi tenne a giustificare: “ho scritto con la zappa scusate”
ed anche Io dovetti aimè confermare che: “purtroppo le cose su Batman sono tutte vere”
al che anche Roberta volle precisare: “Ahah io sono innamorata di Batman da sempre e vabbeh.. Superman non m’ha mai attizzato.. troppo precisino XD”
allora Io: “io sinceramente l’ho sempre abbozzato poco Superman, ma perchè nono lo conoscevo! Approfondito un pò ha il suo perchè e come!! E poi già solo per il dualismo su/ba vale la pena seguirli. E poi mettiamola come ci pare, ma Superman è il primo fumetto della storia c’è poco da fare..”
e Robb: “Boh che dire è sempre il solito discorso questioni di gusti… sta di fatto che sups non è preciso, anzi leggendo i fumetti ti accorgi di quanto sia molto simile a batman che poi è stato realizzato come un messia è un’altra cosa…”
Roberta: “ah non metto in dubbio la sua anzianità! Io sono influenzata anche dalla mia natura femminile nelle simpatie/antipatie verso gli eroi dei fumetti
Comunque ho visto il trailer e sicuramente è qualcosa di diverso da tutto quello che è stato fatto fin’ora su Superman
Sarà che Batman mi piace perchè non ha superpoteri.. (lasciando a parte i supersoldi XD)”
Robb: “Ti piacciono i Villain? Adesso va di moda parteggiare per loro… certo, non sto parlando di te.
non li ha???? e tu come lo chiami un tipo che si butta dai palazzi, prende pistolettate, coltellate, non dorme quasi mai, e si spara in vena steroidi per accrescere la sua performance? io lo chiamo supereroe  ehhehehe”
ed Io come tutti sappiamo: a me piacciono gli eroi problematici (chi è che ha cambiato la mail di recente?)”
Roberta: “ahah no Loki mi sta sul caz però mi piace Thor *_* solo perchè è figo, di lui so poco altro ahah
Batman invece mi piace fin da piccola.. mio fratello aveva la batmobile io la batwing XD”
No ma Batman è uno che ha fatto meditazione, che sa usare la forza del chakra umano… i maestri di kung fu fanno anche di peggio”.
Io: “è un Ninja! usa l’ arte del ninjizu per muoversi nell’ ombra”
risposta da Donna: “è un figo XD”
al che Robb prima ci disse che: “I beh Thor e Cap sono i miei preferiti Marvel, Superman, Batman e Green i miei DC  Cmq Thor non è figo, è rozzo e grezzo eheheh nel film l’hanno infighettato ahahha cmq batman sfrutta i chakra, ma nelle versioni moderne… i maestri kung fu forse, io che lo pratico da una vita no ad esempio ehhehehe”
e poi giustamente precisò: “e cmq siamo tre nerd che parlano di nerd all’1 e mezza di notte hehehe”
risposta Mia: “e ne sono fiero!!”
Roberta: “Cap. America è un altro che non mi piace. però non ho letto i fumetti quindi parlo da profana”
Robb: “VEdi siamo agli antipodi. Mi piaceva sups e quindi anche cap. Iron man l’odiavo come tutti, adesso tutti lo amano perché l’hanno fatto scemo come downey jr.” “infatti, il film è moscio”.
Roberta: “Iron Man l’ho conosciuto con i film e mi piace anche lui, però Batman resta il primo nel mio <3”
al che mi venne la malsana idea di scrivere: “mi avete dato un’ idea clamorosa.. prima o poi sto dibattito deve andare live su youtube!! penso che con l’ aggiunto di altri tipo Gaspa Il Santone e Simone, Federica, possa venire una cosa devastante” Taggando gli interessati..
il bello viene adesso…
FINE PRIMA PARTE
Man_of_Steel_Comic_Con